Cose che sto Leggendo

Calibre e dintorni…

2015-02-06-13.19.17

… sono passati ormai cinque anni da quando ho convertito le mie abitudini da lettore al mondo degli ebook.

Photo: Shutterstock

… sono passati ormai cinque anni da quando ho convertito le mie abitudini da lettore al mondo degli ebook. Un po per necessità, i libri nel loro formato classico consumano un enormità di spazio fisico, un po per evitare di smarrirne qualcuno nell’ennesimo trasloco, quella di trasferire i miei nuovi acquisti sul supporto digitale è diventata una necessità da assecondare.
La passione per il libro come oggetto composto di carta rimane ora confinato a particolari edizioni rare, oggetto più da collezione che da consumo quotidiano.
Ben presto all’acquisto delle nuove edizioni ho aggiunto, man mano che si rendevano disponibili, anche le edizioni di libri che già possedevo nel formato tradizionale.
Da bravo collezionista ho cercato di reperire tra i vari shop online tutte le edizioni disponibili sul mercato.
Manuali di giochi di ruolo, manualistica tecnica, insomma il mondo da lettore che mi circonda è piuttosto variegato e il “media digitale” mi permette di non finire soffocato dalla miriade di libri di cui è già piena la mia casa.
Il primo innegabile vantaggio è quello di poter finalmente prestare senza timore che vadano perduti, i miei libri preferiti.
Il secondo è quello di poter portare con me più titoli, così da poter agevolmente cambiare titolo se una particolare lettura inizia a stancarmi.
Il terzo innegabile vantaggio è quello di poter finalmente annotare, sottolineare le pagine di un libro senza quella sensazione di disagio che mi aveva sempre impedito di farlo.
Nel corso degli anni le mie necessità sono cambiate, così ho affiancato al classico e-reader (e-ink) dal comodo formato tascabile, un tablet da dieci pollici quest’ultimo più adatto alla consultazione di manuali.
Liberata dall’ingombro fisico la mia collezione di libri digitali è letteralmente esplosa, ho pututo assecondare la mia indole di lettore compulsivo e così si sono accumulati nell’hard disk dedicato migliaia di titoli che non ho mai “tenuto in ordine”.
Per coloro che potrebbero obiettare sulla fragilità e la poca affidabilità di hard disk e supporti digitali in generale ricordo che esistono servizio cloud ai quali affidare la vostra collezione senza dover mai temere di perderli. Inoltre molti dei distributori di libri digitali conservano i vostri acquisti sul vostro “account” così da poter essere riscaricati alla bisogna.
Nelle ultime settimane si è reso disponibile un vecchio personal computer, al quale spero di poter presto aggiungere un paio di giga di ram alla prossima fiera dell’elettronica, sul quale ho installato la distribuzione linux Lubuntu e il software Calibre.
Volevo finalmente avere tutta la mia collezione, ordinata e in un solo luogo, così da non cercare di acquistare un titolo che possedevo già ma non ricordavo di averlo.
Mentre vi scrivo Calibre mi segnala che nella sola cartella “Narrativa” ci sono 700 titoli. Mancano quelli che aggiungerò importando la cartella del computer di lavoro.
Mancano la Manualistica, i libri game, quelli dei giochi di ruolo i fumetti, i titoli Osprey…ho reso l’idea?
Siamo ora a 767 e come direbbero quelli che sanno l’inglese “still counting”…
Lettori digitali…se avete domande, curiosità…dubbi o una esperienza da condividere… scriveteci pure…

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

Libriakmzero non è solo un blog, ma è la conversazioni che Guendalina, Rakshal e Stryke fanno solitamente seduti davanti ad una birra nel nostro pub preferito. Siamo lettori onnivori. Abbiamo gusti molto eterogenei e ci piaciono soprattutto la lettura in digitale e i fumetti. In questo blog vige un unica regola: dire esattamente quello che si pensa.

Copyright © 2015 The Mag Theme. Theme by MVP Themes, powered by Wordpress.

To Top