Alice nel paese delle vaporità – Francesco Dimitri

Alice nel paese delle vaporità di Francesco Dimitri

Alice è sempre stata il simbolo del viaggio all’interno del nostro immaginario interiore.
A Londra esiste una stradina, tra Charing Cross e St. Martin’s Lane, piena di librerie antiche. Li ne esiste una dedicata solo ad “Alice attraverso lo specchio”, più in là, ne potete trovare un’altra di libri illustrati per bambini con l’insegna di “Alice nel paese delle meraviglie”. Molti film e telefilm hanno ripreso questo concetto, per svilupparlo con diversissime chiavi di lettura. Ne cito solo due, perché  sono le ultime nelle quali mi sono imbattuta. Nel serial tv, Warehouse 13, esiste uno specchio con dentro intrappolato lo spirito di Alice. Questa Alice è capace di appropriarsi dei corpi di chi guarda lo specchio per portare morte e distruzione. In Once upon a time, il Paese delle meraviglie è un modo parallelo raggiungibile dal portale generato dal cappello del cappellaio matto, del quale Alice sembra essere la figlia perduta.

Alice è un idea, un apicale punto di vista, tanto affascinante da coinvolgere tutti.
Alice siamo noi.
Diventiamo Alice quando diventiamo adulti e abbandoniamo la fanciullezza spensierata e sognatrice.

In cosa si differenza l’Alice di Francesco Dimitri?
Secondo me, solo nel contesto.

Un ragazzo, che per lavoro fa il correttore di bozze ed il lettore di manoscritti,  riceve delle e-mail che raccontano la storia di un’ Alice che vive in una realtà parallela. In questa, la città di Londra è separata  dalla periferia da alti muri e da ventole che non lasciano entrare la nebbia delle periferie: la Vaporità.
E’ un gas che sviluppa una percezione della realtà diversa, delle sensazioni e una capacità di movimento che esistono solo in un mondo distorto, appunto dalle allucinazioni. Sembra che Alice bambina venga da questa realtà lisergica e dopo aver raggiunto la maturità,  voglia tornarci per riscoprire se stessa. Lo farà? Tra viaggi, combattimenti , prese di coscienza, personaggi fantastici e molto altro, lascio a voi il piacere di scoprirlo. Leggete il libro, ha un finale per nulla scontato, che lascia spazio anche ad un sequel.

A me piacciono queste storie fantasy, un po’ dark e molto crude. Mi piace immedesimarmi nelle situazioni create dall’autore nel libro. Sono una blogger di parte e devo dire, che nonostante la critica a me, Alice nel paese delle vaporità di Francesco Dimitri, è piaciuto tantissimo. Non è il Signore degli anelli e nemmeno Il nome della rosa, ma è stato piacevole, scorrevole e mai noioso.

Che dirvi allora … buona lettura da LibriaKmZero e da me

Guendalina

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More