“Cose che sto Leggendo”

Se non ti sei mai svegliato, con un pezzo di un libro che stavi leggendo prima di addormentarti, dentro ad un tuo sogno, non continuare a leggere. Perché, insomma questo è il racconto di un viaggio nello spazio che dedica un lettore compulsivo alla sua passione.
Sono passati dodici giorni dall’ultimo post, ecco i libri che si sono aggiunti alla collezione.

Libri Acquistati

Primal branding : create zealots for your brand, your company, and your future – Patrick Hanlon
Sono sempre rimasto incuriosito dalla radici ancestrali che animano le moderne tecniche di marketing e allora mi sono detto “diamo una chance a questo titolo” , potrei anche imparare qualcosa.

Il Cacciatore Di Aquiloni – Khaled Hosseini
L’ho preso perché mancava una versione digitale, un classico della letteratura moderna, abbastanza da essere anche uno dei pochi audio book pubblicati anche in italiano.

Ti prendo e ti porto via – Niccolo Ammaniti
Così un po’ sulla stima, non ricordo titoli memorabili nell’ultimo periodo, nonostante sia uno degli autori preferiti di Athena, continuo a ricordarlo semplicemente perché per un breve periodo della sua vita a investito una cospicua quota della sua esistenza con una qualche abilità nel gioco World of Warcraft. Questo ne fa un autore da ricordare?  Non lo so, tendo a solidarizzare però con i “fratelli” di ossessione.

Il Regno (Fabula) – Emmanuel Carrère
Questo è un titolo di quelli che la mamma di Donatello mi ha richiesto e io, da bravo “spacciatore” di libri ho prontamente acquistato e inserito nel suo Kobo Glow.
Dovrei dargli una possibilità?
La signora che ne ha fatta richiesta è una lettrice straordinaria, abbastanza ferrata sui titoli molto in voga, dovrei almeno provare a sfogliarne qualche pagina, oppure più semplicemente attendere una micro recensione.
«In un certo periodo della mia vita sono stato cristiano» scrive Emmanuel Carrère nella quarta di copertina dell’edizione francese del Regno. «Lo sono stato per tre anni. Non lo sono più».
Queste poche righe in congiunzione con alcuni fatti recentemente accaduti proprio qui a due passi da dove vivo, vi confesso hanno solleticato la mia curiosità.

I segreti di Gray Mountain – John Grisham
Anche questo un titolo acquistato per la mamma di Donatello, che citerò spesso visto che le abbondanti nevicate nell’entroterra e gli inevitabili problemi di viabilità hanno fatto incrementare il suo già altro tasso di libri consumati.
Personalmente dopo i primi libri di Grisham, l’unico che ho trovato gradevole è stato “Il Professionista”. Probabilmente perché esula dal consueto solco del “legal thriller”.

Pista nera (La memoria) – Antonio Manzini
Un acquisto totalmente compulsivo. Sellerio, i romanzi di Camilleri, la vocazione di questa casa editrice per gli autori di qualità e la narrativa d’investigazione. Ho pensato che se non avessi avuto il coraggio di oltrepassare il fatidico muro della noia e del paragone con Lucarelli e appunto Camilleri avrei sempre potuto girarlo a Daniela, sono sicura che lei divoratrice di questo genere di romanzi non disprezzi la conoscenza con un nuovo autore.

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More