Deadbeat

Deadbeat

Quando si parla di trash, b-movie o di quanto riesce a far accapponare la pelle delle menti critiche cinematografiche più sopraffine, non ci si può dimenticare di citare la serie televisiva statunitense “Deadbeat”,  creata da Cody Heller e Brett Konner.
La trama è fin troppo scontata. Il protagonista è un improbabile medium di nome Kevin Pacalioglu, intrpretato da Tyler Labine.
Kevin è un perfetto idiota, nullafacente e scroccone, che ha come unica dote quella di poter vedere e parlare con i fantasmi. La sua missione sarà quella di aiutare i fantasmi più improbabili a risolvere le loro “questioni in sospeso”, per dar modo loro di “passare oltre”. Ovviamente potete solo immaginare il tenore delle missioni che Kevin riuscirà a portare a termine solo a colpi di fortuna e stratagemmi.

(fonte : https://www.antoniogenna.net/doppiaggio/telefilm/deadbeat.htm)

Guardando la serie sembra davvero l’opposto della fortunata serie Ghost Whisperer – Presenze, andata in onda su Rai 2 e Rai 4. Melinda Gordon, interpretata da Jennifer Love Hewitt, è esattamente l’opposto di Kevin Pacalioglu.
Anche il clima e la serietà con la quale si affrontano questi temi non può essere più distante fra le due serie.
Personalmente le ho apprezzate entrambe. Anche se arrivare alla fine della seconda stagione di Deadbeat ho dovuto dar fondo a tutto il mio impegno.
Non vi spoilero niente, ma per tirare la serie fino in fondo hanno davvero raschiato il barile delle idee.
La scelta dei personaggi è abbastanza stereotipata e gli effetti speciali sono davvero scadenti. Insomma è il classico b-movie, che diverte per il suo essere trash.

Stavolta non so se consigliarvelo. A me questa leggerezza e questo trash non dispiace, ma devo dire che in alcuni punti è stato abbastanza scontato.
Alla prossima recensione.

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More