Connect with us

Videogame

My Time at Portia

Published

on

Un po’ come sei i cinesi avesse preso Animal Crossing e Harvest Moon e li avessero costretti ad unirsi in matrimonio, ma uno di quelli pessimi e combinati al quale aggiungere anche lo Ius primae noctis non sembra nemmeno una cattiva idea.
Si tratta davvero di una produzione cinese, della Pathea Games e al momento di andare in stampa, perché scriverlo fa figo anche se questa è roba digitale, è praticamente presente su qualsiasi piattaforma di gioco tranne il vostro microonde se ne avete uno ovviamente.
Avevo fatto bene a non acquistarlo, ora certo mi arriva “gratis” nella lista dei giochi disponibili con l’Xbox Game Pass e un po’ di banda si concede a qualsiasi titolo. Anche ad uno che puzza di “sola” da lontanissimo.
Nell’ordine: dobbiamo riparare la fattoria che ci hanno lasciato in eredità (Harvest Moon) mentre facciamo amicizia con la gente del post e facciamo un po’ di quest (Animal Crossing).


Ci sono anche dei dungeon che almeno all’inizio sono semplicemente delle miniere a pagamento nelle quali si accede per ottenere grandi quantità di materiali difficilmente reperibili altrove. Forse questa è l’unica caratteristiche che discosta questo titolo dai più noti predecessori. Un po’ come Stardew Valley somigliava un po’ troppo al primo Harvest Moon su Super Nintendo, questo titolo strizza un po’ troppo l’occhio alla vicina figa per non far sorgere il dubbio che ci stia provando.
Sono felice di aver buttato quasi due ore della mia vita con un titolo così? Diciamo che giocare è sempre divertente, quasi sempre e poi forse questa era solo un’ora e mezza ma comunque sufficiente a far scattare la mia nuova policy personale. Se gioco a qualsiasi cosa per un tempo superiore all’ora e mezza prima di lanciare un nuovo gioco devo scrivere qualcosa. Ho fatto una lista di giochi che ho o che voglio provare e vicino ho disegnato tre caselline, ogni casella rappresenta mezz’ora di gioco, quindi dopo tre segni di spunta, devo scrivere anche se il gioco è My Time at Portia, il clone di giochi già visti e giocati.

Leave a comment

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.