Connect with us

Videogame

Citadel forged with Fire

Published

on

Avete presente quando aprite la busta di un puzzle e dovete iniziare ad assemblarlo?
Ecco al primo log-in in “Citadel Forged with Fire” è un po’ così. Dopo qualche minuto vi accorgerete che vi mancano anche dei pezzi e scoprirete anche che sono elementi essenziali.
Dopo aver concluso non senza qualche problema quello che troppo pomposamente viene definito tutorial dalle indicazioni delle quests verrete lasciati a voi stessi.
Sembra che anche il resto del gioco sia stato abbandonato, privo di una idea di base chiara abbastanza da essere pervasiva in tutti gli aspetto di questo titolo.
Ci sono tutti gli elementi del sandbox, sono che sembrano essere stati piazzati lì, un po’ alla rinfusa.
Come se il giocatore dovesse arrangiarsi da solo con quello che c’è.


Ricordate quando da bambini vi lasciavano da soli sul tappeto di casa con dei pezzi di scacchi, di dama e di domino e voi li trasformavate in cavalli, cavalieri e nemici.
Bravi, Citadel Forged with Fire vi farà ritrovare esattamente in quella condizione.
Ci sono i cinghiali aggressivi come metalupi, orsi decisi a farsi uccidere a tutti i costi pur di mangiarvi, cavalli che corrono via senza sapere dove andare.
Troverete delle pozze di acido e delle pozze di mana. Qualche generico campo di “nemici”, poi perché sono dei nemici? Perché per cucinare devo usare il sale che è praticamente introvabile visto che il mare non c’è?
Il “trono” è davvero il primo oggetto da costruire che devo sbloccare?

L’impressione che continua a permeare ogni istante di gioco è “abbandono”. Come se fosse stato lasciato li, incompiuto.
Per fortuna che il prezzo della copia per console mi ha scoraggiato nell’acquisto a prezzo pieno, chissà se un giorno raggiungerà un prezzo “No Man’s Sky” e posso portarlo a casa per soli cinque euro, perché sarò chiaro, al momento il suo valore è quello.

Leave a comment

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.