Videogame

Posso fare la piscia sul Troll? S01E11

Nove anni sono passati dal primo log-in e da qualche parte dovrei ancora avere due card da 30 giorni da spararmi per livellare. Loggo sul server americano, non me ne accorgo anzi penso che la differenza di orario tra il server time e il mio local time indichino solo che hanno trasferito il gioco negli stati uniti ed ho perso per qualche strana ragione i miei amati personaggi. Invece no mi accorgo poi che basta loggare nello shard giusto e anche se il mio server originale e chiuso e quindi inaccessibile non ho perso nulla, sono tutti lì ad aspettarmi sul nuovo server, devo registrare di nuovo il nome ma Stryke è disponibile e per Miriael è sufficiente inserire una seconda L al termine del nome. Vanila e Antheal ci sono e si va così ad esplorare un gioco che è profondamente mutato.
Fichissima scelta della Trion è quella di permettermi di scegliere tra mille “spec” pre-definite con tanto di consigli per l’uso posti a margine. Per il warrior scelgo una build da tank divento una specie di paladino che si cura e picchia duro con la sua arma a due mani, immortale.
Certo non ho le due espansioni e quindi non ho accesso a tutte le features disponibili al momento ma non mi lamento il gioco è perfettamente godibile e intendo sfruttare al massimo questi primi cinque giorni di patreon (da abbonato quindi) che ho a disposizione come bonus di bentornato.

Il mio warrior è livello 46, ho un mage intorno al 24 e un healer (cleric) al 17, vorrei provare a fare qualche dungeon, Rift ne offre a vagonate, ma fino ad ora il looking for group non mi è stato d’aiuto, ritenterò sicuramente. Cleric e Mage sono le due scelte più ovvie per ora, mettermi in coda con il tank vorrebbe dire mettere a rischio l’intero gruppo, non lo uso da troppo tempo in questo gioco e il recente respec non mi permette di avere una conoscenza approfondita delle dinamiche di gioco.
Curare è curare, in tutti i giochi, se invece faccio cagare nel dps con il mage al massimo ci mettiamo tempo ad uccidere mob e boss.
Tornerò, sicuramente ma voglio anche provare Black Desert su PC, sul portatile “ubbo”, mi hanno regalato la key in occasione dei due anni del gioco, oppure era un anno. Voglio vedere solo se luccica di più rispetto alla versione per console, se ci sono più features per la creazione del personaggio e com’è la community sul PC, di cui non sento particolarmente la mancanza se non fosse per il fatto che li posso insultare usando la tastiera che non devo appositamente collegare.

In Rift ci sono davvero tantissimi dungeon da fare, però al momento il looking for group è più desolato di una città cinese durante la quarantena per il coronavirus.
Finiti i sessanta giorni senza nemmeno aver giocato troppo, che poi chi s’aspettava che il pianeta terra si ritrovasse avvolto da una pandemia alzi pure la mano.
Quando ho scritto l’intro il COVID era sono il Cina ora è dappertutto.
Tornato dopo tre settimane a cercare di scrivere per anygivensunday.it ad organizzare un tempo che è diventato troppo stretto come le mura di casa che poi a pensarci bene sono le stesse che mi tenevano confinato prima.
Ho rintuzzato un attacco di virus, respinto i barbari alle porte e organizzato un po’ di liste, c’è ancora quello spazio di “giocare povero” che m’intriga approfondire e poi faccio quei sogni strani dove Piero, mio zio mi dice che mi ha distrutto la Wii e per fare degli esperimenti ma mi pare chiaro che sia chiaramente incapace nel farli, anche nei sogni.
Non è che mi dispiaccia fare le quest però dico hai tutti questi dungeon che spaziano da un livello minimo al “cap”, perché non ne parte mai uno che sia uno?
Alla fine da Gamestop trovate ancora ad un centesimo le vecchie card da 30 giorni per RIFT, funzionano ancora e allora tanto vale prenderle ed utilizzarle, due centesimi per trenta giorni rappresentano un rapporto prezzo-qualità davvero incredibile.

About the author

Miriael

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.