Videogame

La Spada

Non ho ancora “cappato” Miriael, forse sono intorno al 109, su 130. Non ho acquistato l’espansione, un po’ perché spero di poterlo fare con i lotro points, un po’ perché negli ultimi mesi continuano a mettermi a disposizione tempo gratuito per esplorare i nuovi contenuti.
Scopro che forse l’ho comprato a Marzo 2020, in piena pandemia ma senza prendere la nuova razza gli Stout-axe Dwarf, io odio decisamente i nani, forse non li odio e che non li trovo fighi da giocare, da guardare per tante ore.
Questo è un tempo così, che scorre senza che riesca a fermarlo, che scorre quando dovrebbe formarsi che sta fermo e vorrei che corresse via.
Ricordo che c’è un posto, che è anche tanti altri posti, dove mi posso perdere, dove nessuno chiede spiegazioni e tutti si ricordano di te, anche dopo tanto tempo.
“Sei tu, davvero”
“Si,sono Miri”
“Il Champion donna più forte del server”.
Sono io, qualsiasi cosa voglia dire, sono io.
Qualche sera fa chiedo alla mia nuova kinship se qualcuno aveva una spada a due mani, pensavo a qualcosa 3rd Age, della Terza Era, insomma un drop, qualcosa senza troppo impegno.
Scambio qualche chiacchiera con alcuni dei membri e non penso davvero che lo stia chiedendo il Miriael, ma sono io che chiedo se qualcuno ha qualcosa che avanza, che ingombra spazio nell’inventario.

Ricevo invece con mia grande sorpresa, una spada a due mani, First Age, Prima Era.
Senza che abbia investito nulla, senza che mi sia stato chiesto qualcosa.
Un dono inaspettato.
Miriael resta un nome noto, di quando questo gioco era ancora giovane e lo ero in fondo anche io.
Allegata alla spada una lunga storia, racconta il perché di quel nome, le sue origine e perché è importante.
Prima non leggevo nemmeno i testi delle quest e ora invece leggo anche lunghe email.
Sto invecchiando, bene o male devo ancora capirlo.
Volevo finalmente iniziare a fare le quest con la nuova spec “Red Line” e invece parte il Mid-Summer Festival che altro non è che il matrimonio tra Aragorn e Arwen a Minas Tirith.


Potevo mancare?
Mount.
Vestiti.
Ovviamente no e quindi mi sono lanciato in una serie di quest in giro per una città costruita su livelli concentrici con scale per salire tra i livelli.
Indispensabile memorizzare la posizione di ogni rampa oppure affidarsi agli stablemaster alcuni appositamente collocati per questo evento.

Ho provato anche tutti gli abiti per capire ovviamente quale avrei acquistato per primo e quindi idealmente organizzare una tabella di marcia per non rendere troppo noiosa questa nuova impresa puramente cosmetica.
Ci sono anche deeds, titoli e una miriade di attività da svolgere, sebbene non ci sia un forse il mio festival preferito, le attività perlomeno sono concentrate quasi tutte nella stessa location, certo si viaggia tanto ma una volta concluso il primo giro di quest, il senso d’orientamento prende il sopravvento e si riesce a viaggiare spediti.

About the author

Miriael

Add Comment

Click here to post a comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.