Lord of the Rings Online – Festival

Si è quel momento dell’anno. Quello nel quale torno a scrivere, perché ho preso una brevissima pausa dal pestare tasti sul mio G13 e scrivere di sport. 
C’è senza dubbio uno dei mie festival preferiti di tutto il panorama degli mmorpg. Il Festival dell’Anniversario in Lord of the Rings Online. 
Quattordici anni e non ne ho perso uno. Mai. 

Mi vanto alla mia “veneranda” età di stare ancora “appresso ai videogiochi”. Ovviamente si. 
Per una questione di cultura, di riflessi e di tenere allenati e vigili i pochi neuroni che mi sono rimasti. 
Bree si anima durante i festival, questo in particolare. L’Anniversario fa da apripista all’altro grande evento della stagione dei festival su LotRO, il Summer Festival. Se loggate, soprattutto nelle ore serali in Europa, troverete gruppi musicali distribuiti intorno al Puledro Impennato e nelle aree limitrofe, impegnati in veri e proprio concerti.

Non c’è nessun mmorpg, capace di rendere l’esperienza dei festival stagionali, piacevole. Con una sola magnifica eccezione. L’ex prodotto Turbine. Il gioco è passato così tante volte di mano, che ormai ho perso il conto delle software house che hanno gestito, danneggiato, fatto crescere e quasi ucciso, questo titolo. 

Il gioco sente il peso dei suoi quattordici anni. Riesce a laggare anche su una macchina da gaming acquistata nel 2021. Non è World of Warcraft. Non è nemmeno Guild Wars 2. Però per gli appassionati della saga di Tolkien è l’unico rifugio videoludico. Fallito il tentativo di Amazon Games di realizzare un titolo nella Terra di Mezzo, questo vecchio videogame è tutto quello che c’è. Non è come vorremmo, come vorrebbe la sua base di giocatori. Tuttavia resta un rifugio per pvper, rper e perfino per quei pochi raider ai quali import essere i migliori in questo titolo con meccaniche PVE innovative ma utilizzate davvero male. Capace di cambiare il progress dei suoi “items” due volte nello stesso anno. 
Non è un posto piacevole, ma è l’unico posto. Il suo housing resta memorabile, il suo sistema di cavalcature fa impallidire qualsiasi titolo. Ha perfino implementato fin dall’inizio la possibilità di suonare degli strumenti in game.
Ci torno spesso, perché è stato un rifugio. L’amico che c’è sempre. Non l’ho amato come WoW ma a lui non importa. 

 

Leave A Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More